Social Media Links:

Síguenos:

Cancuún México 29 de noviembre - 10 de diciembre 
Choose your prefered language: Español | English

Biodiversity, deforestation and global warming: in 2100 will survive just beetwen 18 and 45% of tropical species that we know

Italy
Greenreport.it
06/08/2010


LIVORNO Conservation Letters pubblica lo studio "Global Tropical Forests Threatened by 2100" del Department of Global Ecology della Carnegie Institution che afferma che «Entro il 2100 solo dal 18 al 45% delle piante e degli animali che costituiscono gli ecosistemi a livello globale delle foreste umide tropicali potranno rimanere così come li conosciamo oggi»

I ricercatori guidati da Greg Asner combinano i dati sulla deforestazione ai nuovi dati sulle proiezioni degli effetti di cambiamenti climatici . Si tratta del primo studio che prende in considerare questi effetti combinati per tutti gli ecosistemi umidi delle foreste tropicali e può aiutare chi si occupa di difesa ambientale ad individuare dove concentrare gli sforzi perché siano davvero efficaci.

Asner spiega che «Questa è la prima compilation globale degli impatti sull'ecosistema delle foreste tropicali umide colpite da queste forze unite. Per queste aree del mondo che si prevede saranno le più colpite dai cambiamenti climatici, i land managers dovrebbero concentrare i loro sforzi sulla riduzione della pressione dalla deforestazione, contribuendo in tal modo all'adattamento delle specie al cambiamento climatico, o a migliorare la loro capacità di spostarsi in tempo per tenere il passo con lui. Dall'altro lato, le regioni del mondo dove si prevede la deforestazione subirà meno gli effetti del cambiamento climatico, potrebbero essere oggetto di recupero».

Le previsioni degli scienziati californiani di Palo Alto som no molto preoccupanti: le foreste tropicali ospitano più della metà di tutte le piante e specie animali sulla Terra che, davanti all'effetto combinato di deforestazione e global warming hanno solo tre possibilità: adattarsi, spostarsi o estinguersi. I ricercatori americani hanno esaminato l'utilizzo del territorio e il cambiamento climatico, integrandoli con i dati della deforestazione globale e quelli di mappe e immagini satellitari ad alta risoluzione, con previsioni sui futuri cambiamenti della vegetazione in 16 diversi modelli climatici globali. Da questo lavoro multidisciplinare sono emersi gli scenari di come entro il 2100 le diverse specie potrebbero subire modifiche del loro areale di distribuzione. Per prevedere i possibili cambiamenti della biodiversità e stata presa in considerazione la "riorganizzazione" delle varie classi di piante , come gli alberi sempreverdi di latifoglie tropicali , gli alberi tropicali decidui delle zone aride e diversi tipi di erbe ed arbusti.

Secondo lo studio «Per il Centro e Sud America, i cambiamenti climatici potrebbero modificare circa i due terzi della biodiversità delle foreste tropicali umide e la varietà e l'abbondanza di piante e animali dell'ecosistema. Combinando questo scenario con gli attuali modelli di cambiamento dell'uso del suolo, nel solo il bacino amazzonico può avvenire un cambiamento della sua biodiversità di oltre l'80% della regione».

Nell'altro grande polmone verde del mondo, la foresta del bacino del Congo, la maggior parte dei cambiamenti verrà probabilmente dal disboscamento e dei cambiamenti climatici, che potrebbero influire negativamente sulla biodiversità dal 35% al 74%. «Su scala continentale, circa il 70% della biodiversità delle foreste tropicali dell'Africa sarà probabilmente influenzato se non n verranno limitate le pratiche attuali».

In Asia e nelle isole del Pacifico centrale e meridionale, la deforestazione e le concessioni forestali sono principali driver dei cambiamenti degli ecosistemi. Le proiezioni dello studio suggeriscono che in quest'area il cambiamento climatico potrebbe avere un ruolo minore a quello dell'America Latina o dell'Africa. Nonostante questo, la ricerca dimostra che «Fra il 60% e 77% della superficie è soggetta a perdita di biodiversità attraverso i massicci cambiamenti in corso dell'utilizzazione del suolo nella regione».

Daniel Nepstad, uno scienziato del Woods Hole Research Center sottolinea che «Questo studio è la prova più evidente che gli ecosistemi naturali del mondo subiranno ancora profondi mutamenti, comprese le gravi modifiche nella composizione delle loro specie, a causa dell'influenza combinata dei cambiamenti climatici e dell'uso del territorio. La salvaguardia della flora e fauna del mondo, così come noi lo conosciamo , dipenderà dal rapido e vertiginoso delle emissioni di gas serra».

El contenido de las noticias que se presentan en esta sección es responsabilidad directa de las agencias emisoras de noticias y no necesariamente reflejan la posición del Gobierno de México en este u otros temas relacionados.

    

Page 'Breadcrumb' Navigation:

Site 'Main' Navigation: